Primarie Centrosinistra, sui social network vince Renzi


L’intento della mia ricerca per la mia tesi di laurea, che ha come macrotema la comunicazione e il marketing politico, è quello di tracciare un’analisi dell’identità digitale dei tre maggiori candidati alle Primarie del Centrosinistra 2012.

A quattro giorni dal voto per le Primarie di coalizione, il web ci svela dei numeri da non sottovalutare.

Ho analizzato il posizionamento sul web di Pier Luigi Bersani, Matteo Renzi e Nichi Vendola concentrandomi sulla loro pagina ufficiale di Facebook.

Dall’8 ottobre al 19 novembre 2012, con cadenza settimanale, ho monitorato i dati (“mi piace” e “ne parlano“) delle loro pagine ufficiali.

È in testa alla classifica in termini di audience la fan page di Nichi Vendola con 525.196 “mi piace” (dato aggiornato al 19 novembre), seguito da Matteo Renzi con 187.796 e Bersani con 82.612.

grafico1corradini

 

Per quanto riguarda invece l’interattività dei fan sulle tre pagine ufficiali, i più attivi su Facebook risultano essere i fan di Matteo Renzi con il 15,7%, seguiti dai fan di Vendola (9,11%) e da quelli di Bersani (7,5%).

Con il termine “fan attivi” si intende coloro che “ne parlano“, ossia tutti quegli utenti che hanno creato una sorta di “relazione” con la fan page del candidato, cliccando su “mi piace”, scrivendo sulla sua bacheca, commentando o condividendo un post o una foto, menzionando la pagina. Il numero di “ne parlano”, ossia il numero di fan attivi, che compare nella pagina principale sotto il nome, viene aggiornato quotidianamente, ma si riferisce sempre ai sette giorni precedenti.  Questo dato statistico può essere considerato come un “barometro della quantità di conversazione generata dalla pagina stessa“, dicono i programmatori di Facebook. Un altro dato interessante da sottolineare è rappresentato dal valore in percentuale dei nuovi fan (“mi piace”) acquisiti durante i 42 giorni di monitoraggio. Il candidato che durante queste sette settimane è riuscito ad aggiudicarsi il maggior numero di fan è Matteo Renzi, con un incremento pari al 14,4% (26.958 persone) di nuovi fan, seguito da Bersani con il 7,8% (pari a 6.435 persone) e da Nichi Vendola, che nonostante l’elevato numero totale di fan pari a 525.196, negli ultimi 42 giorni fa registrare un incremento solo dello 0,75%, pari a 3.931.

 

grafico2corradini

Andando ad analizzare nello specifico la tipologia di target dei fan dei tre candidati, Facebook ci fornisce i seguenti dati: per tutti e tre la città di maggior popolarità è Roma e la fascia d’età di maggiore popolarità è 25-34 anni. Bersani inoltre ha il primato anche nella fascia 45- 54 anni.

Senza entrare nel merito delle preferenze politiche, basandomi esclusivamente sui dati che ho raccolto, il “vincitore” su Facebook risulta essere il Sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Nonostante il numero totale dei suoi fan sia nettamente inferiore a quello di Vendola, con uno scarto di 337.400 fan, sia per quanto riguarda la percentuale di fan attivi sulla sua pagina sia per quanto riguarda il tasso di crescita dei “mi piace” in queste sette settimane, Renzi si aggiudica il primo posto. Poco presente e attivo invece il Segretario del Pd, Pier Luigi Bersani che, probabilmente abituato ai vecchi media, dà ancora poca importanza al web e alle potenzialità dei socialnetwork.

D’altro canto, Nichi Vendola, da sempre molto attivo e convinto dell’importanza di internet, nonostante l’alto numero di fan, non riesce a crescere in queste ultime settimane di campagna elettorale.

L’arma del “rottamatore” sembra dunque essere il cosiddetto engagement, ossia la capacità di coinvolgere, trascinare e appassionare i propri contatti. I dati relativi all’engagement sono molto importanti in quanto, come dice Vincenzo Cosenza, social media strategist e responsabile romano di Blogmeter, “i follower e i fan si possono anche comprare, e comunque sono un capitale infruttifero. Mentre quello che conta è il tasso di interazione giorno per giorno”.