Primarie dei parlamentari, #adesso si candida anche Giorgio Gori


Il Partito Democratico, dopo le primarie che hanno visto vincere il segretario Bersani, ha indetto per le giornate del 29 e 30 dicembre 2012 le primarie per i parlamentari. Si possono candidare tutti gli iscritti al partito o chi si dichiara suo elettore, si devono raccogliere tra le 50 e le 500 firme e ci si può presentare in una sola “area territoriale”.

Per la provincia di Bergamo sta raccogliendo le firme anche Giorgio Gori, l’uomo che ha curato la comunicazione televisiva di Matteo Renzi alle Primarie 2012.
Gori, bergamasco classe 1960, è stato per quasi dieci anni dirigente Mediaset, dove è stato anche direttore delle tre reti televisive.
Nel 2001 ha lasciato il gruppo del biscione per fondare Magnolia, la casa di produzione televisiva autrice di format di successo come “X Factor” o “MasterChef“. Maturità classica e laurea in architettura, Gori, che è anche giornalista pubblicista, è socio fondatore della testata online Il Post di Luca Sofri e consigliere di amministrazione, nonché azionista, di Microventures, società che opera nel settore del microcredito in India e in Indonesia.

 

Negli anni 70 attivista di “Azione e Libertà“, gruppo studentesco di sinistra-riformista, è stato anche elettore craxiano prima che grande sostenitore di Renzi. 
Si avvicina nuovamente alla politica attiva nel 2011, quando collabora all’organizzazione del primo “Big Bang” di Renzi tenutosi alla stazione Leopolda di Firenze.
Dopo aver preso la tessera del Pd, costituisce sempre nella sua città la Fondazione “InNova Bergamo“, associazione territoriale apartitica di cui è anche presidente.

 

Il sito che seguirà la campagna elettorale del comunicatore bergamasco riprende nei colori e nel modello il sito di Renzi: nello slogan viene invertito l’ordine delle parole: al posto di Matteo Renzi Adesso! troviamo Adesso! Giorgio Gori.
Le voci del menu in alto sono le medesime: Home, Chi sono, Idee, Comitati, News, Rassegna Stampa e Contatti.
Differente rispetto al sito del sindaco di Firenze è la presenza del simbolo del Pd, il cui sito appare anche tra i link, insieme ai siti delle Primarie parlamentari e al portale di Renzi stesso.

Sui social network, rispetto a Renzi, Gori sarà presente solo su Twitter e Facebook, dove, com’è ormai pratica comune, recentemente ha convertito il profilo in pagina fan.
Nel sito sono presenti anche la Gallery per immagini e l’Agenda con i prossimi appuntamenti elettorali.
La registrazione per la newsletter riprende il concetto di partecipazione già tematizzato con “Adesso Partecipo”, il sito che ha seguito la campagna elettorale del sindaco fiorentino.

 

Non solo Gori utilizzerà il claim “Adesso!” per le primarie parlamentari: tanti i renziani che hanno fatto la stessa scelta. Uno per tutti, il deputato uscente Salvatore Vassallo che nel banner del suo sito personale www.salvatorevassallo.it, riprende lo stesso modello cromatico e di slogan.

 

I tempi sono brevi, vedremo se Gori riuscirà a sfruttare le competenze comunicative per tradursi in un polito capace di aggregare voti su di sé.

 

Indubbiamente, ciò che si augurano lui e i suoi comitati, é di riuscire dove non sono riusciti con Renzi, cioè vincere.